Discussione:
Retinopatia sierosa centrale: ma i corticosteroidi fanno bene o male?
Aggiungi Risposta
franco
2003-08-09 09:43:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Dopo un ennesimo accesso di retinopatia sierosa centrale (malattia
diagnosticata anni fa e con diagnosi confermata da fluoroangiografia),
l'oculista mi prescrive del flantadin30, dicendo che può limitare i
danni alla retina.
Guardando su internet, su siti autorevoli come Medline, trovo che
addiritttura i corticosteroidi sono imputati di causare tale malattia.

<<...Glucocorticoids should not be used in the treatment of central
serous chorioretinopathy and central serous chorioretinopathy should
be added to the list of ocular complications of glucocorticoids.

Publication Types:
Review
Review, Academic

PMID: 12431693 [PubMed - indexed for MEDLINE]
In particolare questo risulta da diversi articoli pubblicati da
entrez-pubmed.
Inoltre, anche una pubblicazione italiana, disponibile su
http://www.iapb.it/rivista/pdf/01-2001-Oftalmologia-Sociale.pdf
nega che tali farmaci siano efficaci.

Che devo fare?
Rischio, se non prendo il flantadin urgentemente di permettere danni
più gravi alla retina?

Grazie.
Gigiomaus
2003-08-11 19:55:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
La corioretinite sierosa centrale è una patologia a patogenesi
sconosciuta. L'efficacia dei corticosteroidi nel suo trattamento non è
dimostrata per cui se non li prendi non rischi niente. L'unico trattamento
possibile è quello fotocoagulativo (laser) se i punti di "leakage" di
colorante alla fluorangiografia sono abbastanza lontani dalla macula.
Unodei meccanismi chiamati in causa nella patogenesi di questa patologia è
l'ansia e lo stress, per cui cerca di evitarli.
Saluti
Post by franco
Dopo un ennesimo accesso di retinopatia sierosa centrale (malattia
diagnosticata anni fa e con diagnosi confermata da fluoroangiografia),
l'oculista mi prescrive del flantadin30, dicendo che può limitare i
danni alla retina.
Guardando su internet, su siti autorevoli come Medline, trovo che
addiritttura i corticosteroidi sono imputati di causare tale malattia.
<<...Glucocorticoids should not be used in the treatment of central
serous chorioretinopathy and central serous chorioretinopathy should
be added to the list of ocular complications of glucocorticoids.
Review
Review, Academic
PMID: 12431693 [PubMed - indexed for MEDLINE]
In particolare questo risulta da diversi articoli pubblicati da
entrez-pubmed.
Inoltre, anche una pubblicazione italiana, disponibile su
http://www.iapb.it/rivista/pdf/01-2001-Oftalmologia-Sociale.pdf
nega che tali farmaci siano efficaci.
Che devo fare?
Rischio, se non prendo il flantadin urgentemente di permettere danni
più gravi alla retina?
Grazie.
a***@gmail.com
2018-01-02 00:25:15 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
ATTENZIONE UNA GRANDE NOVITA'! UNA CURA PER LA CORIORETINOPATIA SIEROSA CENTRALE C'E'! SU MINERVA MEDICA E' STATO PUBBLICATO UN ARTICOLO SU UNA CURA CHE IN FASE SPERIMENTALE HA GUARITO 12 PAZIENTI SU 13!: DILUIRE IN POCA ACQUA UNA FIALA DI GALIUM HEEL FIALE E UNA FIALA DI SOLANUM COMPOSITUM FIALE E TENERE SOTTO LA LINGUA IL LIQUIDO PER UN MINUTO POI INGOIARE. UN GIORNO SI E UNO NO PER DUE/TRE MESI. HO PROVATO PERSONALMENTE LA CURA E FUNZIONA! OGGI HO FATTO LA OCT E IL SIERO SI E' TOTALMENTE RIASSORBITO CON RECUPERO VISIVO QUASI TOTALE! UN MIRACOLO! FATE SAPERE IN GIRO E LEGGETE L'ARTICOLO AL LINK: Https://www.minervamedica.it/it/riviste/minerva-oftalmologica/articolo.php?cod=R12Y2016N01A0006
Leonardo Serni
2018-01-05 17:09:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by a***@gmail.com
ATTENZIONE UNA GRANDE NOVITA'! UNA CURA PER LA CORIORETINOPATIA SIEROSA CENTRALE C'E'!
SU MINERVA MEDICA E' STATO PUBBLICATO UN ARTICOLO SU UNA CURA CHE IN FASE SPERIMENTALE
HA GUARITO 12 PAZIENTI SU 13!
In realtà 11 su 13, perché nello studio si dice che gli altri due hanno avuto
ricadute.

D'altra parte leggo

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1600-0420.2007.00889.x/abstract;jsessionid=454CABFBBDB120E27953E5D084D3A98A.f03t02

che nel 90% dei casi la CSC si risolve spontaneamente, e la cura è necessaria
solo se dopo sei mesi non si è avuta remissione spontanea.

Secondo il NHI, la CSC recidivante è caratterizzata da episodi acuti, seguiti
da periodi di remissione di durata da tre mesi a due anni.

Sembrerebbe, a me ignorante, che prima di dire "funziona" uno debba seguire i
pazienti per almeno quei due anni, no? Altrimenti, si rischia di fare come il
carabiniere della barzelletta... "Appuntato, guardi se funzionano le frecce!"
"Sì. No. Ora sì. Ora no. Ora sì..."

Poi, sempre per good practice, prima di dire "studio" uno dovrebbe prendere i
tredici pazienti, dividerli a caso in due gruppi, e dare ad uno il farmaco, e
a un altro acqua fresca. Ma qui se ho capito bene tutti i pazienti sono stati
assegnati al... errr... primo gruppo. Ora, piaccia o meno questo fa calare il
valore dello studio; e non è una regola che ho inventato io.

Però sai come si dice... "se son rose fioriranno".

Leonardo
--
Ya se escucha sonar la metralla, ya el clarín toca fuego graneado:
ahora o nunca, muchachos arriba a acabar a estos hijos del diablo.
Loading...