Discussione:
Klebsiella pneumonie
(troppo vecchio per rispondere)
Carlo Binaco
2017-03-03 16:16:10 UTC
Permalink
Raw Message
Dalle analisi delle urine è venuto fuori che ho la Klebsiella
Pneumonie, il mio medico dice che non è nulla di grave e non è
contagiosa per gli altri della famiglia. Vorrei chiarimenti in merito,
anche perchè ho letto cose non troppo belle e di non facile guarigione.
=Catrame=
2017-03-03 21:15:59 UTC
Permalink
Raw Message
Addì 03/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *Carlo Binaco* (
Dalle analisi delle urine è venuto fuori che ho la Klebsiella Pneumonie, il
mio medico dice che non è nulla di grave e non è contagiosa per gli altri
della famiglia. Vorrei chiarimenti in merito, anche perchè ho letto cose non
troppo belle e di non facile guarigione.
se non ti basta il parere di un medico, rivolgiti ad un altro medico.

oppure ti curi da solo con una laurea che puoi prendere facilmente su
youtube o su wikipedia.

infine puoi provare col bicarbonato....
--
Tra il rosso ed il nero,
vince sempre lo zero.
Carlo Binaco
2017-03-04 14:33:03 UTC
Permalink
Raw Message
Post by =Catrame=
Addì 03/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *Carlo Binaco* (
Dalle analisi delle urine è venuto fuori che ho la Klebsiella Pneumonie, il
mio medico dice che non è nulla di grave e non è contagiosa per gli altri
della famiglia. Vorrei chiarimenti in merito, anche perchè ho letto cose
non troppo belle e di non facile guarigione.
se non ti basta il parere di un medico, rivolgiti ad un altro medico.
oppure ti curi da solo con una laurea che puoi prendere facilmente su youtube
o su wikipedia.
infine puoi provare col bicarbonato....
ma che cazzo di risposta
Carlo Binaco
2017-03-04 14:33:35 UTC
Permalink
Raw Message
Post by =Catrame=
Addì 03/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *Carlo Binaco* (
Dalle analisi delle urine è venuto fuori che ho la Klebsiella Pneumonie, il
mio medico dice che non è nulla di grave e non è contagiosa per gli altri
della famiglia. Vorrei chiarimenti in merito, anche perchè ho letto cose
non troppo belle e di non facile guarigione.
se non ti basta il parere di un medico, rivolgiti ad un altro medico.
oppure ti curi da solo con una laurea che puoi prendere facilmente su youtube
o su wikipedia.
infine puoi provare col bicarbonato....
scusa ma se non sai rispondere astieniti invece di dire stupidaggini,
la cosa è seria.
=Catrame=
2017-03-04 15:13:07 UTC
Permalink
Raw Message
Addì 04/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *Carlo Binaco* (
Post by Carlo Binaco
Post by =Catrame=
Addì 03/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *Carlo Binaco* (
Post by Carlo Binaco
anche perchè ho letto
cose non troppo belle e di non facile guarigione.
se non ti basta il parere di un medico, rivolgiti ad un altro medico.
la cosa
è seria.
Ecco, appunto.
--
Tra il rosso ed il nero,
vince sempre lo zero.
LoStaff .
2017-03-04 17:05:41 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Carlo Binaco
scusa ma se non sai rispondere astieniti invece di dire stupidaggini,
la cosa è seria.
Lascia perdere Cantrsme, e' un povero mentecatto Ciarlatano .

La Klebsiella pneumoniae e' un batterio gram-negativo fa parte della flora
batterica umana. Si diffonde in soprattutto in pazienti immunodepressi e
anche tra pazienti ospedalizzati, Nelle persone sane tuttavia, di solito non si
verifica l'infezione, molto pericolosa se non curata.
L'infezione può essere riscontrata anche dopo un trattamento antibiotico, che
danneggia presumibilmente la flora dell'ospite e permette la crescita eccessiva
della popolazione batterica.

L'infezione provocata da Klebsiella a livello dei polmoni si differenzia da
altre polmoniti in quanto è associata a cambiamenti distruttivi. La malattia
induce un processo necrotizzante, con infiammazione ed emorragia nel tessuto
polmonare, che produce un denso ed abbondante espettorato.
Per risolvere il problema, occorre sempre seguire tutte le indicazioni che le
darà il suo medico ed utilizzare un antibiotico adatto, a dosi corrette,
affidandosi alle indicazioni presenti nell'antibiogramma, sempre allegato alle
valutazioni colturali positive.
--
LO Staff - www.curenaturalicancro.com
lostaff-***@doctor.com
=Catrame=
2017-03-04 18:26:42 UTC
Permalink
Raw Message
Addì 04/03/2017 , su it.salute - it.salute , l'utente *LoStaff .* (
Post by LoStaff .
Post by Carlo Binaco
scusa ma se non sai rispondere astieniti invece di dire stupidaggini,
la cosa è seria.
Lascia perdere Cantrsme, e' un povero mentecatto Ciarlatano .
ROTFL
ci ha starnazzato quello che vende a caro prezzo il bicarbonato
endovena.
Assassino e ciarlatano.
Post by LoStaff .
La Klebsiella pneumoniae e' un batterio gram-negativo fa parte della flora
cut
Post by LoStaff .
Per risolvere il problema, occorre sempre seguire tutte le indicazioni che le
darà il suo medico
Ecco qua il re del copiancolla, che oltre a non essere di alcun aiuto,
ti dice cose gia dette : VAI DA UN MEDICO E CHIEDI.
LOL
BUFFONE VATTENE
--
Tra il rosso ed il nero,
vince sempre lo zero.
Carlo Binaco
2017-03-05 06:15:07 UTC
Permalink
Raw Message
Post by LoStaff .
Post by Carlo Binaco
scusa ma se non sai rispondere astieniti invece di dire stupidaggini,
la cosa è seria.
Lascia perdere Cantrsme, e' un povero mentecatto Ciarlatano .
La Klebsiella pneumoniae e' un batterio gram-negativo fa parte della flora
batterica umana. Si diffonde in soprattutto in pazienti immunodepressi e
anche tra pazienti ospedalizzati, Nelle persone sane tuttavia, di solito non
si verifica l'infezione, molto pericolosa se non curata.
L'infezione può essere riscontrata anche dopo un trattamento antibiotico, che
danneggia presumibilmente la flora dell'ospite e permette la crescita
eccessiva della popolazione batterica.
L'infezione provocata da Klebsiella a livello dei polmoni si differenzia da
altre polmoniti in quanto è associata a cambiamenti distruttivi. La malattia
induce un processo necrotizzante, con infiammazione ed emorragia nel tessuto
polmonare, che produce un denso ed abbondante espettorato.
Per risolvere il problema, occorre sempre seguire tutte le indicazioni che le
darà il suo medico ed utilizzare un antibiotico adatto, a dosi corrette,
affidandosi alle indicazioni presenti nell'antibiogramma, sempre allegato
alle valutazioni colturali positive.
Perfetto, esiste una cura valida che non siano sempre antibiotici che
alla fine peggorano il quadro della patologia specialmente quando si è
solo colonizzati e non infetti.

Loading...